domenica 29 marzo 2009

crostata con crema acidula bruciata


Non temete, non è uno scherzo di carnevale in ritardo ;)
L'aspetto non è forse dei più invitanti, ma il contrasto del dolce/acidulo della crema, con l'amaro della pellicola semibruciata, rendono il risultato molto particolare.

I più restii possono cospargere la superficie di zucchero di canna e caramellarla al grill o con il cannello.


Ingredienti:
400gr pasta frolla
300gr latte
150gr ricotta setacciata
150gr yogurt
60gr zucchero
20gr farina
30gr amido di mais
30gr burro fuso
zeste grattugiate di 1 limone
70gr albume + 30gr zucchero
Un pizzico di sale
Poco albume per pennellare

Foderiamo con la frolla uno stampo da 28cm e cuociamo in bianco per 25’ a 180° (negli ultimi 10’ pennelliamo con albume).

Stemperiamo la farina e l’amido con poco latte, portiamo ad ebollizione il resto con la buccia di limone e lo zucchero, uniamo le due masse e portiamo a cottura come per una crema pasticciera.

Uniamo la ricotta e lo yogurt miscelati, il burro fuso (con un pò di zeste di limone) ed il sale, riportiamo lentamente ad ebollizione mescolando con una frusta.

Montiamo gli albumi a neve ed uniamo lo zucchero. Amalgamiamo il tutto, rapidamente, alla crema bollente e lasciamo raffreddare.

Versiamo la crema nel guscio freddo, lisciamo la superficie e mettiamo in frigo per un’oretta.
Pennelliamo con poco albume e facciamo gratinare sotto il grill a media potenza, proteggendo il bordo della frolla all’occorrenza e facendo attenzione a non carbonizzare la superficie.

Lasciamo raffreddare del tutto, prima di sformare.

30 commenti:

  1. eh si infatti mi ispira molto... volgio proprio provarla!
    buona domenica

    vale

    RispondiElimina
  2. anch'io la voglio provare, deve essere buona!

    RispondiElimina
  3. Ma che delizia di dolce! ora ci manca solo il cucchiaino per assaggiarla!!
    un bacione

    RispondiElimina
  4. ...è un pò che non passavo di qui. Ma quando e come le pensi? Sei un genio!

    RispondiElimina
  5. che bella la proverò sicuramente!! come ho fatto con tante delle tue ricette, che sono sempre una garanzia!! grazie !! ciao!

    RispondiElimina
  6. ma che scherzo..me la sarei mangiata ancora prima di leggere la ricetta!

    RispondiElimina
  7. cosa diavolo vuol dire "in bianco"?

    RispondiElimina
  8. l'ho fatta! Che bello trovare una ricetta nuova sul tuo blog. Ieri avevo gli ingradienti in casa e naturalmente non ho potuto resistere. Molto buona la crema ben equilibrata nei sapori e si mantiene soffice ma sostenuta anche il giorno dopo (il dovere di prova ha imposto un assaggio anche a colazione :-))) Domanda: con la cottura in bianco il bordo della frolla tende a scendere, hai un suggerimento affinchè rimanga bello alto? Grazie.

    RispondiElimina
  9. La proverò di sicuro. Questo è stato il week end delle tue colombe (sempre strepitose) e della focaccia alta (quella con l'albume, per intenderci). Successone su tutti i fronti. Non mi resta che ringraziarti.....!

    RispondiElimina
  10. ecco come trasformare un lunedì grigio e tempestoso(non solo in senso metereologico)in un lunedì dolce e appassionante...la provero'...grazie Adriano!!!!
    sereme

    RispondiElimina
  11. Visualizza il tuo blog e trovato molto interessante ... Parabens

    Vi chiedo potrebbe mettere il link nel mio blog sul tuo sito: http://do-nariz-a-boca.blogspot.com/

    Può essere?

    Quando si invia una mail a chiedere qui: pirusas.carvalho @ hotmail.com

    Abraços

    RispondiElimina
  12. oggi è primo aprile però! :)
    Bellissima questa tarte, gli ingredienti mi piacciiono tutti, e anche la consistenza, immagino morbidezza della crema +friabilità della frolla...con la primavera che incombe è un'ottima idea!

    RispondiElimina
  13. Non concordo sull'estetica del tuo dolce,anzi è forse la sua tipicità a renderlo d'effetto
    per quanto rigurda i sapori è un'ottima rivisitazione di torta di ricotta.CIAO
    ANDREA

    RispondiElimina
  14. O.d.C., in bianco, vuol dire che va cotto il solo guscio, non arrabbiarti :)))

    MT, mi fa piacere che sia stata di tuo gradimento.
    Per far si che il bordo non scenda ci sono vari sistemi: riposo in frigo di un'oretta, prima dell'infornata; cottura con carta forno ed uno stampo che ci stia a misura all'interno; aggrappatura della frolla al di sopra del bordo dello stampo.

    Raul e Joel Carvalho, non ho ben capito, vorresti che metta il link nel mio blog?

    Grazie a tutti gli altri, se la provate fatemi sapere che ne pensate;)

    RispondiElimina
  15. ciao Adriano, questa crema è piaciuta così tanto che l'ho rifatta servendola in coppette pyrex monoporzioni: buonissima. Posso,timidamente,fare una richiesta? Ci insegneresti a fare "la pastiera di Adriano"? Deve essere una bontà, mi sembra di sentirne già il profumo..:)))

    RispondiElimina
  16. un sapore che ho apprezzato anni fa su nell'alto nord
    confermo l'associazione perfetta dei due sapori
    non avendo mai provato nessuna ricetta penso che mi delizirò con questa
    vediamo che combino :)
    buona giornata

    RispondiElimina
  17. mi attira moltissimo e oltre al sapore che penso sia fantastico mi piace anche il contrasto di colore della pellicina con il bianco del ripieno :-) ciao Ely

    RispondiElimina
  18. Ma è bellissima. La devo provare, assolutamente. Poi ti faccio sapere
    Alex

    RispondiElimina
  19. penso di provarla presto, ma servirla con una salsetta di lamponi? ci starebbe bene?

    RispondiElimina
  20. Eccoti qua' con un invitante dolce, le tue creazioni mi fanno sempre venir voglia di farle.A presto risentirci Annamaria (alias miao).

    RispondiElimina
  21. MT, non ho una mia ricetta di pastiera, puoi guardare qui
    http://www.gennarino.org/forum/viewtopic.php?f=12&t=4989&start=0&st=0&sk=t&sd=a

    erika, forse il sapore è un pò troppo particolare per accompagnarla con una salsa, bisognerebbe provare.

    grazie a tutti gli altri.

    RispondiElimina
  22. Ciao Adriano, mi illumini una volta per tutte sul corretto utilizzo delle diverse funzioni del forno? Per la cottura in bianco è più corretto lo statico o il ventilato? E per il pane? Grazie per la disponibilità...

    RispondiElimina
  23. Ciao Adriano, le tue creazioni sono sempre particolari!!!!
    Volevo provare il tuo panettone o la colomba.....devo studiare quello che mi sembra più semplice.
    Che ci prepari di buono tu in questo periodo??????

    RispondiElimina
  24. Adriano, il tuo blog e' fantastico. L'ho scoperto solo oggi. Compimenti.
    Laura

    RispondiElimina
  25. virò, io il ventilato lo utilizzo solo per uniformare alcune cotture, per il resto mi poare asciughi troppo.

    patty53, la colomba è più semplice, ma l'ultima ricetta, la gubana, è alla portata di tutti e ti assicuro che è squisita.

    RispondiElimina
  26. Caro Adriano, ti ringrazio per tutte le bellissime ricette che ci dai. Trovo che sei una persona molto generosa.
    Ho provato i tuoi maritozzi e sono deliziosi. In casa a colazione mangiamo solo quelli.
    Sul mio blog troverai anche la fotografia: a Roma era tradizione mangiarli con la panna montata
    Ciao
    Silvana
    http://unpopercelia.blogspot.com

    RispondiElimina
  27. silvana, direi che ti sono venuti molto bene, complimenti.

    RispondiElimina
  28. Porca miseria!!questa meraviglia mel'ero proprio persa....quindi ho subito rimediato ;) ed ho fatto proprio bene!!è incredibilmente delicata:ricorda un pò la pannacotta ma lievemente acida e più leggera,non stucca assolutamente.
    Adriano complimenti,crei dei capolavori...
    (e inseriscila nella lista delle crostate,perchè è favolosa!!!! Daniel (da Viareggio)

    RispondiElimina
  29. daniel, grazie per la segnalazione, mi era sfuggita.

    RispondiElimina