giovedì 3 aprile 2008

ciambelline al vino


Di aspetto rustico, asciutte e croccanti, sono una mia fissa da una trentina d'anni, da quando le provai per la prima volta ad Anzio, nella storica panetteria Marigliani. Negli anni ci ho fatto tante modifiche, e mi sembrano perfette così.

Ingredienti:
farina 00 400gr
fecola di patate 100gr
zucchero semolato 150gr
olio evo 30gr
olio di semi (arachide, mais, girasole) 80gr
vino bianco 100-110gr
carbonato di ammonio (ammoniaca da dolci) 1 cucchiaino da caffè
1 pizzicotto di sale
Zucchero semolato per lo spolvero
(semi di anice)
Setacciare e mescolare le poveri. Impastare come una frolla, avvolgere in pellicola e mettere in frigo per un paio d’ore.
Arrotolare dei filoncini dello spessore di un mignolo, chiuderli a ciambella, intingerli da un lato nello zucchero (eventualmente mescolato a semi di anice pestati, ma a me non piace) e sistemarli in placca imburrata o con carta da forno.



Infornare a 170° fino a doratura, ca. 15 – 20’ , con lo sportello in fessura.




78 commenti:

  1. Ricetta classica ma sempre molto gradita. Sono ottimi a colazione.
    Quando puoi, mi dici qualcosa sulla colomba nel mio blog?
    Grazie.

    Marco

    RispondiElimina
  2. Adriano, ma che mignoli hai? ;-)
    Valeria/Angionedda

    RispondiElimina
  3. Che spettacolo! Ho preso nota della ricetta io faccio spesso a mio marito le Ciambelline Ruzze (di origine Ciociara) ma le trovo troppo "dure" . Proverò sicuramente questa tua ricetta.
    Buona Giornata
    Laura

    RispondiElimina
  4. Ciao, simile alla mia ricetta, a me l'anice piace molto e lo impasto insieme agli altri ingredienti.

    Inoltre uso lo zucchero di canna grezzo anziché quello normale perché gli dà un tocco ancora più rustico.

    ;)

    Voglio provare le tue, poi ti dico.

    RispondiElimina
  5. marco, fatto.

    valeria, pensa tu i pollici!...quando arrotolo il pane a filone viene una pagnotta...;-)

    laura, questi sono secchi ma friabili.

    marco, zucchero di canna per lo spolvero, o per l'impasto?

    RispondiElimina
  6. woowww!!!
    Sono state uno dei miei primi pasticci in cucina ;)
    Con l'ammoniaca le ho provate qualche mese fa', vengono molto meglio, friabili, appunto...

    Adriano, io ho sempre messo solo olio evo, perchè di anche di semi?

    RispondiElimina
  7. Adriano sono incantata dal tuo sito ho realizzato le ciambelline con successo e la tua crostata mandorle e arance, ma per quanto riguarda la panificazione ti chiedo se per caso tieni dei corsi,e' un mondo che mi affascina, ma sono a digiuno delle nozioni fondamentali. Un bacio. Orietta

    RispondiElimina
  8. Grazie...anche queste me le copio.
    E le proverò senz'altro.

    RispondiElimina
  9. paoletta, anch'io le facevo con solo olio di oliva, ma il sapore era troppo marcato, ho sostituito gradatamente con olio di semi e, per il mio palato, sono meglio bilanciate.

    orietta, per i corsi creo che organizzerò qualcosa dolo l'estate.

    michela, grazie a te per la visita.

    RispondiElimina
  10. ..tè tepossino Adrià...non ho vino bianco al momento...sostituisco con?....ci penso!!!
    baci Ross.

    RispondiElimina
  11. fatti oggi, buoni e friabilissimi, però ho usato solo olio evo leggerissimo.
    grazie
    Licia

    RispondiElimina
  12. Adriano zucchero di canna solo per lo spolvero intendevo.

    Le ho fatte ieri, ma con le tue dosi stranamente non riuscivo ad impastare, troppo asciutto l'impasto, si sbriciolava. Allora ho aggiunto un po' di vino e poi ancora un po' d'olio, ma era sempre troppo asciutto tanto che le ciambelle non sono riuscito a farle, e alla fine ho fatto dei tegolini, a striscette insomma!

    Chissà perché è successo.. ho usato una normale farina 00 da supermercato. Il sapore è ottimo e penso che hai fatto benissimo a sostituire quasi tutto l'olio d'oliva con quello di semi.

    RispondiElimina
  13. Perfette e leggere! Non ho resistito e mi sono comprata la bilancina Laica, che avevi indicato, per pesare il lievito, potresti dirmi a che peso equivale un cucchiaino da caffè di ammoniaca? Pensi che l'olio di riso potrebbe essere indicato? Io uso un olio d'oliva "vero", evo toscano dei colli intorno a Firenze ed è abbastanza saporito, forse troppo per usare in pasticceria.

    RispondiElimina
  14. Carbonato di ammonio?
    Ciao a tutti. Potrei sapere qualche cosa su questo elemento nuovo per me? dove si trova e in che cosa differisce da altri lieviti per dolci (ammesso che serva come lievito)?
    Complimenti anticipati ad Adriano per la ricetta.

    RispondiElimina
  15. Bando alla pigrizia, mi sono risposto da solo googlando. Si tratta di un agente lievitante che si presenta sotto forma di polverina bianca e che nel corso della cottura evapora lasciando il caratteristico odore di ammoniaca. Si utilizza per i biscotti perché asciuga in fretta e li indurisce un po'.
    Mi rimane il dubbio sul dove comprarla. In farmacia?

    RispondiElimina
  16. Quanto mi piacciono queste ciambelline, la prossima volta uso la tua ricetta:-)

    RispondiElimina
  17. Complimenti per il blog che ho tra i miei preferiti ,e per le tue deliziose ricette,pero' piu' di tutto siccome ho saputo che oggi e' il tuo compleanno ti faccio un mondo di auguri,e che i tuoi desideri si realizzino al piu' presto, buona giornata Annamaria.

    RispondiElimina
  18. Buon compleanno Adriano !!!
    bacioni Ross.

    RispondiElimina
  19. come buon compleanno?
    non,lo sapevo.
    Auguri!

    RispondiElimina
  20. Ciao! somigliano tantissimo ad una ciambellina pugliese (anzi barese e piú precisamente della profonda Murgia) di cui sono ghiotta. Devo provare la tua!

    RispondiElimina
  21. Molto invitanti queste ciambelle !!

    RispondiElimina
  22. Complimenti, davvero molto bello il tuo blog!!!
    Buona serata

    RispondiElimina
  23. ma come è il tuo compleanno???auguri ero passato per consegnarti questa:scusaaaa ma non ti ho consegnato l'invito alla mia festa...ne ho consegnati tanti alle due del mattino che qualcuno mi è sfuggito me ne scuso molto,vieni ti aspetto.e scusami sia tu che chiunque legga questo commento,scusatemi non l'ho fatto di proposito.

    RispondiElimina
  24. Grazie a tutti per gli auguri!

    RispondiElimina
  25. marco, non so cosa sia successo, io uso le dosi che ho indicato, solo qualche volta mi tocca aggiungere un pò di vino.

    benedetta, son 2 - 2,5gr di ammoniaca. L'olio di riso va bene.

    ross, so che si fanno anche con il vino rosso, ma non ho mai provato.

    RispondiElimina
  26. Grazie! Le ho fatte stamattina e sono squisite!!! Unico problema la formatura, come a marco anche a me l'impasto si sbriciolava e anche dopo il riposo era impossibile tirarlo a rotolini...in ogni caso, da rifare al piu presto!

    MArco - MAik

    RispondiElimina
  27. ciao adriano!!! innanzitutto volevo augurarti BUON COMPLEANNO (anche se in ritardo), ho fatto queste ciambelline oggi, il sapore, squisito, problema: la formatura, anch'io non riuscivo ad arrotolare, anzi ho notato che era + facile senza che l'impasto venisse messo in frigorigero a riposare. poi, vedendo le tue, così belle dorate, nei tempi che indichi tu, ma x caso hai inserito anche 1 uovo xchè io ho dovuto aggiungere un 30 gr. ancora di vino (x un tot. di 250 gr. di liquido) altrimenti era troppo asciutto e come gli altri utenti mi si sbriciolava ed ho rimediato appunto non lasciandolo in frigorifero!!! comunque, anche io le dovrò rifare xchè sn buonissime!!! ciao e un caro saluto, katia.

    RispondiElimina
  28. Auguri in ritardo anche da me... fatte oggi deliziose, ricetta perfetta facile e veloce finite quasi subito!!!! ciao

    RispondiElimina
  29. che bellissima merenda per la ciurma! salvata la ricetta! li proverò a fare :-)

    RispondiElimina
  30. ross, so che si fanno anche con il vino rosso, ma non ho mai provato.

    ed io li ho fatti con vino "zibibbo di Pantelleria" utilizzando zucchero di canna in superfice...faccina che si lecca ancora i baffi slurp!!!
    buonissimi !!!

    RispondiElimina
  31. Adriano, visto che vorrei rifarle di qui a poco, hai qualche consiglio per evitare lo sbriciolamento mentre formo i rotolini? Puo' essere utile riportare l'impasto a temperatura ambiente prima di formare? Sarebbe il massimo riuscire a fare le ciambelline con una bella forma, gia sono ottime cosi!!!

    RispondiElimina
  32. Finalmente una ricetta che posso provare anch'io senza fare sostituzioni strane! Pensa che io non le ho mai mangiate.. spero di trovare presto il tempo per provarle :)

    RispondiElimina
  33. In ritardo, grazie a tutti per gli auguri!

    katia, non aggiungo uova, ma anche a me la formatura risulta difficoltosa.

    ely, fammi sapere.

    ross, se trovo lo zibibbo ci provo ;-)

    marco, io risolvo arrotolando con energia, si compattano.

    azabel, mi fa piacere, se le provi fammi sapere.

    RispondiElimina
  34. Questa ciambelline sono una tua libera interpretazione delle ciambelline ciociare,ma quelle originali sono fatte con un bicchiere di olio e.v.o.-un bicchiere di vino rosso corposo-un bicchiere di zucchero e farina quanta ne prende il liquido.non stravolgiamo le ricette tradizionali,perfavore.Caso mai cambiamogli il nome!

    RispondiElimina
  35. anonimo, credo che dovresti riguardare le varie ricette di ciambelline al vino, che io sappia in altre zone laziali si fanno con il vino bianco. A me poi non pare di avere scritto ciambelline ciociare ;-)

    RispondiElimina
  36. Questi li adoro, ne mangerei a quintali!
    Bravo come sempre.

    RispondiElimina
  37. rosalbaf, a chi lo dici...;-)

    RispondiElimina
  38. ciao, ho letto la ricetta, mi spieghi cosa vuol dire "lo sportello in fessura".

    grazie

    RispondiElimina
  39. haron2, bisogna lasciare lo sportello del forno leggermente alperto, interponendo ad es. una posata, per far si che si disperda l'ammoniaca.

    RispondiElimina
  40. e` gia` la seconda volta che le faccio, sono troppo buone!bravo.
    anche a me l`impasto mi si sbriciola, chissa` perche`... risolvo riscaldando un pezzetto dell`impasto tra le mani e cosi` si arrotola meglio.
    Qui in inghilterra l`ammoniaca non si trova, ho sostitito con un cucchiaino di lievito!sono venute bene lo stesso, proprio buonissime. complimenti per le ricette, favolose.

    RispondiElimina
  41. gia` li ho fatti 2 volte, sono troppo buoni! anche a me l`impasto mi si sbriciola quando faccio i rotolini, chissa` perche`..?risolvo facendo scaldare un pezzo d`impasto tra le mani e poi faccio il rotolino. qui in inghilterra l`ammoniaca non la trovo, quindi ho usato un cucchiaino di lievito ed il risultato e` stato ottimo. complimenti, bravo.

    RispondiElimina
  42. elisabetta, mi fa piacere che ti siano piaciute.

    RispondiElimina
  43. Anche io ne faccio un tipo simile, ma più semplice ed utilizzo il vinsanto, ti assicuro molto buoni se vuoi provali le trovi qui http://triplocioc.blogspot.com/2008/10/biscotti-della-dandina.html

    RispondiElimina
  44. milla, ci credo, con il vinsanto saranno ancora più buone.

    RispondiElimina
  45. Ciao sono Molly.
    Ho fatto i tuoi biscotti seguendo le tue chiare indicazioni e sono perfetti ma per ben due volte ho avuto difficoltà a farli scurire come i tuoi senza naturalmente farli bruciare nella parte inferiore. Puoi darmi un consiglio?
    Ti ringrazio molto e tanti complimenti.

    RispondiElimina
  46. Molly, probabilmente devi sistemare la placca una tacca più su.

    RispondiElimina
  47. Ciao, ma il bicarb. di ammonio come e quando lo metti? Sulla busta c'è scritto di scioglierlo nel latte. Se però lo sciolgo nel vino in questo caso il composto frigge rilasciando gas per 1 secondo ed il vino bianco diventa verde scuro. Non si può neanche mescolare in quanto si farebbe continuare la reazione con ulteriore produzione di gas. Tu il lievito come e quando lo inserisci?

    RispondiElimina
  48. giorgio, lo mescolo alla farina.

    RispondiElimina
  49. Eccomi al secondo esperimento delle tue ricette: dopo il babà, le ciambelline al vino. Ho ovviato al fatto che l'impasto tendesse un pò a "sfaldarsi" in questo modo: l'ho steso tra 2 strati di pellicola in una lunga striscia dello spessore di 1/2 cm, ho tagliato le listarelle, le ho arrotolate velocemente e le ho chiuse a cerchio.Buonissime. Grazie Adriano. Alla prossima.
    Annalisa

    RispondiElimina
  50. annalisa, ottimo sistema, complimenti per l'idea!

    RispondiElimina
  51. non le ho provate ma sono molto simili alle ciambelline con cui mia nonna(di roma) mi ha fatto crescere. la ns ricetta è 1 tazza di vino(io lo metto frizzante così migliora l'impasto le rende più friabile)1 tazza di olio di semi, 1 pizzico di sale, un po di zucchero, un po di anice e farina quanta ne prende per un impasto morbido ed elastico. faccio i rotolini sul dito e li passo prima in un piatto con dell'acqua bagnandone solo la superficie e poi subito nello zucchero semolato così da far venire una piccola glassa poi le metto in forno a180 gradi programma pasticceria

    RispondiElimina
  52. Ciao Adriano, complimenti per le tue ricette, sono tutte un successo garantito!!!
    Vorrei consigliare a tutti coloro che hanno trovato difficoltà nel realizzare la forma a "cimbellina" per via dell'impasto appiccicoso di:
    1- dare all'impasto una forma appiattita prima di avvolgerlo nella pellicola;
    2- Lasciarlo in frigo almeno una notte!!!
    Luciana

    RispondiElimina
  53. Ciao Adriano, ti ringrazio per questa fantastica ricetta, le tue ciambelline sono deliziose, mia figlia dice che quando comincia a mangiarle non riesce a smettere (come le ciliege).
    Saluti
    patrizia

    RispondiElimina
  54. patrizia, sono contento vi siano piaciute ;)

    RispondiElimina
  55. Ciao Adriano, sono buonissime anche queste, semplici ma gustose, sembra che ci sia chissà cosa negli ingredienti e invece....
    Grazie, Lucy

    RispondiElimina
  56. Lucy, pensa un pò che le ho comprate ultimamente in un forno ed allappavano tanto erano cariche di lievito...

    RispondiElimina
  57. Ma...con le cose che cucini tu...come fai a mangiare le cose comprate '_' ??? Tutto quello che ho realizzato con le tue ricette è senza paragone ..chissà fatte da te...
    Lucy

    RispondiElimina
  58. Ciao Adriano, ti seguo da tempo e ho provato numerose ricette, molti pani e dolci.
    Ieri mi sono cimentato in queste ciambelline e devo dire che l'impasto tendeva molto a sfaldarsi e non aderivano.Non solo, dopo le due ore di riposo in frigo durante la cottura, le ciambelline si gonfiavano in modo irregolare...a cosa può essere dovuto tutto ciò? Davide

    RispondiElimina
  59. davide, come puoi leggere dai commenti precedenti, è un impasto che manca un pò di coesione. Il secondo problema dipende probabilmente che l'ammoniaca non si è amalgamata uniformemente.

    RispondiElimina
  60. Ho provato questa ricetta oltre un anno fa, e da allora le ho fatte numerose volte.
    Per evitare lo "sfaldamento" ci metto un goccio di olio e di vino in piu', vengono benissimo, un successone con tutti :)

    grazie Adriano.

    Massimo

    RispondiElimina
  61. massimo, mi sa che la prossima volta provo anch'io ;)

    RispondiElimina
  62. Io le ho appena infornate, ho evitato il riposo in frigo e messo 20 gr. di vino in più, le ho stese con il matterello e dato la forma con lo stampino (perché le stricioline non mi si attaccavano bene). Non si sfaldano, l'impasto è bello morbido e lavorabile e sembra stiano venendo proprio bene!
    Grazie per questa bella ricetta!

    RispondiElimina
  63. Oddio, che emozione! Sembrano uguali uguali a quelle della vecchietta delle ciambelle che con questi suoi dolci semplici e biscottati profuma tutta la salita verso il castello di Fumone! Da quando le ho provate un anno fa ho tentato di riprodurle, ma la ricetta delle ciambelle ruzze (credevo si trattasse di quelle) non funziona... adesso proverò la tua, spero tanto che sia proprio quella che cerco!
    E' la prima volta che lascio un commento su uno dei tuoi interessantissimi post, ma passo di qui molto spesso a prendere buoni spunti e consigli per i miei modestissimi esperimenti pseudoipocalorici!
    Complimenti per la tua bravura e grazie per il fatto che scegli di condividere il tuo sapere con gli altri.

    Raffaella, Napoli

    RispondiElimina
  64. anonimo, grazie a te per averla provata ;)

    kaori, provata?

    RispondiElimina
  65. Le ho appena sfornate.....che dire......spettacolari! A volte neanche quelle comprate sono così buone! Ho fatto solo meta' dose per provarle! Sigh! Finiranno troppo presto, i miei figli se le stanno già litigando. L'impasto non mi ha dato nessun problema ma per andare sul sicuro ho fatto le ciambelline con un taglia biscotti. Grazie mille Adriano.
    appena posso provero' i panini da buffet.

    Cristiana

    RispondiElimina
  66. Grazie per la tua generosità Adriano,condividere tanto sapere e passione è un grande regalo e contribuisce a migliorare un po' il nostro mondo.le ciambelline erano auliche.
    Maria Cristina

    RispondiElimina
  67. cristiana, maria cristina, grazie a voi per la fiducia!

    RispondiElimina
  68. Ciao Adriano ti seguo già da un pò e mi piacciono molto le ricette che crei.
    Ti volevo chiedere ma quando dici - con lo sportello in fessura - intenti che lo devo lasciare leggermente aperto?!?! grazie per l'attenzione.

    RispondiElimina
  69. anonimo, si, ma solo una leggera fessura, interponendo un cucchiao di legno.

    RispondiElimina
  70. queste ricette mi fanno venire una gran voglia di provarle tutte...mi sembrano davvero buone :-) complimenti

    RispondiElimina
  71. Salve, innanzitutto complimentissimi per innumerevole ricette e preziosi consigli, davvero bravo (bravi). Pian pianino faccio tutte quelle meno complesse, io che sbaglio anche la cottura delle uova sode. Comunque, dopo essermi cimentata nella pizza bianca romana ( non avevo mai neanche visto da lontano la farina e il lievito) genovese, una pagnottina, ed essermi presa una refrattaria che non ho la piu pallida idea di come si usi, nel frattempo mi son data alle ciambelline al vino, da brava romana, le adoro, provata la tua ricetta Adriano, sono venute benissimo, buonissime, ed ho stupito grandi e piccini! L'unica cosa che ti chiedo è che ,almeno per come le consoco io, sono piu secche e meno friabili ma credo che si possa arrivare ad un buon compromesso eliminando, forse, il lievito e la fecola e come compensare, con piu farina????? Dimmi tu come posso farle piu durette e secchette. (se riesco ti posto qualche foto di qualche prova )... Abbraccio. P.s.se fai corsi in veneto ci vengo sicuro..
    kinetica(alessandra)
    http://img402.imageshack.us/img402/1521/dsc0229eq.jpg
    http://img594.imageshack.us/img594/9546/dsc0232rc.jpg
    http://img24.imageshack.us/img24/7136/dsc0224vc.jpg
    http://img827.imageshack.us/img827/7329/dsc0234pc.jpg
    http://img191.imageshack.us/img191/3999/dsc0222m.jpg

    RispondiElimina
  72. Alessandra...magari sbagli la cottura delle uova, ma quello che vedo è fatto davvero bene.
    Io le ho assaggiate di tutti i tipi e consistene e preferisco quelle più friabili. Per averle più secche, va benissimo come dici: elimina l'ammoniaca e sostituisci la fecola con pari quantità di farina.
    In vneto saremo in questo prossimo giro, calendario già pubblicato.

    RispondiElimina
  73. Non so come ringraziarti, allora qualcosa ho capito. Ma devi ritrattare, le ciambelline che ho fatto con la tua ricetta, sono si piu friabiline, ma non ho calcolato il tempo successivo alla cottura. Una volta fredde già un pochino cambia la consistenza, ma il giorno dopo wow, erano come volevo...:D gh. Quindi magari provo a togliere il lievito, e giocare con la fecola di patate, ma vanno bene. Davvero non sono mai stata capace a far nulla in cucina...farò di tutto per venire alle lezioni. Grazie ancora...e complimenti, ancora!!!
    Ale

    RispondiElimina
  74. ps.: chiedo venia, ho sbagliato a scrivere non è "devI ritrattare" ma "devO ritrattare". :p grazie ancora...

    RispondiElimina
  75. Ciao da Russia e grazie per la ricetta! L'ho provata ieri, sono buonissime le ciambelline! E' possibile di parteggiare la vostra ricetta sul mio blog? Voglio postare la sua versione in inglese e certamente con il link al vostro blog. Me lo permettete? Grazie!
    Georgia da San Pietroburgo

    RispondiElimina
  76. Thanks ѵеry interesting blog!

    my webpage :: zumba instructor training massachusetts

    RispondiElimina